Campagna contro le molestie - Solenza Lazar

SOLENZA LAZAR
Topic AwarenessDevelopmentDesignSafety and securityGender related statisticsMobility dataTransport patterns & user needs

L'idea

Il problema su cui mi è stato chiesto di lavorare era la molestia nei trasporti pubblici, più specificamente sugli autobus. Dopo aver progettato la soluzione fisica al problema, sono stato incaricato di lavorare su una campagna di sensibilizzazione. Originariamente, l'idea era quella di progettare un poster, tuttavia ho voluto adottare un approccio più non convenzionale. Il problema con la creazione di un poster, è che avrei dovuto inserire troppe informazioni in quella che deve essere una rappresentazione molto visiva dei dati.

L'idea dietro l'animazione è quella di mostrare prima alla gente tutte le statistiche rilevanti (dal sito YouGov), e poi mirare al lato più emotivo dello spettatore. Infine, lo spettatore ha bisogno di una frase semplice da ricordare, così come un promemoria del numero da chiamare in caso di emergenza.

Il processo

L'animazione 2D è un processo molto lungo e dispendioso in termini di tempo in cui sono un completo principiante. Infatti, questa è sia la prima volta che ho lavorato su una campagna di sensibilizzazione che la prima volta che ho provato ad animare. Sono un fan dei cartoni animati e del character design in generale, ma non avevo mai visto cosa ci vuole per disegnare i cartoni che guardiamo da bambini; quindi, naturalmente quando ho iniziato questo progetto, avevo grandi aspettative per il risultato finale di questo progetto. Una volta iniziato il progetto, ho capito che l'animazione 2d consiste nel disegnare il movimento come strati non in movimento che vengono riprodotti uno dopo l'altro ad alta velocità, per dare l'illusione del movimento. Questo concetto è molto vecchio, e anche se mi era familiare, quello che non sapevo era quanti strati avrei dovuto disegnare a mano per creare un'animazione così breve. È stato quando ho iniziato, che mi sono reso conto di aver costruito delle aspettative molto irrealistiche che sapevo subito di non poter soddisfare.

Per questo progetto, ho scelto di lavorare utilizzando un software molto semplicistico sul mio iPad, chiamato Procreate. Il grande vantaggio di questo software è la sua semplicità, che è anche il suo più grande difetto. All'inizio, l'utilizzo di uno strumento così semplicistico ha reso più veloce il disegno e l'animazione; tuttavia, sono sorti alcuni problemi quando l'animazione è diventata più complessa. Alla fine del progetto, avevo 12 brevi animazioni che ho poi compilato insieme per fare un video, ogni animazione contenente un minimo di 20 cartelle (e il doppio dei livelli).

Ne è valsa la pena?

Dal punto di vista dell'apprendimento, questa esperienza è stata davvero preziosa perché animare è un'abilità che credo sarà molto utile per il mio futuro come designer. È stato anche utile scoprire questa nuova forma di espressione visiva e i vantaggi di aggiungerla al mio flusso di lavoro. Come designer è sempre fondamentale spingersi oltre i propri limiti e sfidare se stessi, perché questo è l'unico modo per diventare migliori in quello che si fa. Anche se ho trovato l'animazione abbastanza difficile e dispendiosa in termini di tempo, mi è piaciuto molto e continuerò a farlo per i miei progetti di design personali.

Da un punto di vista più professionale, è importante ricordare che lo scopo di questa animazione era quello di creare una campagna di sensibilizzazione contro le molestie sui trasporti pubblici. La ragione per cui ho scelto di fare un video invece di un poster è che la maggior parte delle persone (specialmente la popolazione più giovane) è visivamente più attratta e intrigata da "immagini in movimento" che da un poster convenzionale. È anche un modo per dare informazioni alle persone senza chiedere loro di pensarci troppo o di concentrarsi sulla lettura del testo. Da questo punto di vista, credo che creare un'animazioneavrebbepotuto essere la scelta giusta. Sottolineo la parola potrebbeinvecedi era, perché non credoche sia stata la scelta giusta fare un'animazione per questo particolare progetto e i suoi vincoli. Avrebbe potuto essere una buona decisione creare un'animazione per questo progetto se avessi già avuto esperienza con l'animazione, se avessi lavorato in un team di persone che potevano aiutarmi nel processo, se avessi saputo come usare software come Adobe Animate o Photoshop con la timeline del video, se avessi avuto accesso a una formazione sull'animazione passo dopo passo diversa dai tutorial di YouTube, e infine, se questo progetto non avesse avuto una timeline di 2 settimane. Quindi, anche se l'idea iniziale e le intenzioni erano giustificate, per questo progetto, e con il mio livello di conoscenze all'inizio di questo progetto, progettare un'animazione non ne valeva la pena.

Available translations

Give us your opinion

Evaluating the contribution

Gallery

  • 4.png 4.png
  • 1.png 1.png
  • 3.png 3.png
  • 2.png 2.png
  • 5.png 5.png

Comments
Jump to comment-75
PAUL MAGEE

3 months ago

Hmm. Whilst it is important to instill values such as respect into a child's upbringing (education), I would still argue that education is for all. Your method may in fact be alienating for a large sector.

Jump to comment-73
SOLENZA LAZAR

3 months ago

Hi Paul. The reason for my focus on the younger population is quite simple. 

Firstly, I believe that educating the younger population is critical, because they are our future. It is also a lot easier to influence a child's thinking, than it is to change an adult's behavior and beliefs that have been engrained in their mind for decades. 

Moreover, by teaching children to discern wrongful behavior, they can encourage a change in their parent's actions regarding the issue. It is indeed easier to educate parents through their children, because parents naturally want to be the best version of themselves in front of their child. 

Finally, it is important to note that a simple and colorful design is always eye-catching and intriguing, no matter the age of the person watching. In this era of technology, social media and endless sources of information at our fingertips, standing out is more imperative than ever; this was just my attempt at doing that. 

Jump to comment-72
PAUL MAGEE

3 months ago

Hi Solenza, this level of reflection on the process is valuable, you're right that we always need to push our boundaries. The real learning here comes from knowing that you could achieve  a similar result in the future with more rapid methods. AND that you now have the initial animation skills to build up assets that can be used for future work. I agree that the moving medium is a useful tool.

However, as your animation points out (link to be added to Youtube channel) this experience can happen to anyone, at any age - why then only focus on young people and their needs for animation?

The TInnGO project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement no 824349.
Copyright © 2019 TInnGO. Designed and Developed by LGI